“Se i quadri potessero parlare…”

Stefano Guerrera e Vittorio Sgarbi si confrontano a Checkpoint: mettere didascalie divertenti ai quadri è un modo per portarli nell’era contemporanea? E che cos’è che mantiene attuali i capolavori?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *