“Lo chiamavo Enzo, ora lo chiamo papà”

Paolo Jannacci, il figlio del grande Enzo, presenta a Checkpoint un album di pezzi jazz e racconta il suo rapporto umano e artistico con il padre

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *