“Partire è un po’ morire”

Con il suo romanzo “Picciridda” Catena Fiorello racconta il dramma dei figli degli emigranti lasciati in Sicilia per andare a trovare fortuna all’estero, una storia molto attuale anche oggi

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *