“Perdiamo il valore dell’essenziale e la memoria collettiva”

Michele Ainis, docente, scrittore e costituzionalista torna con la penna e con il cuore alla sua città natale, Messina, con il suo nuovo romanzo “Risa”, la città sommersa. Ci racconta i significati del libro e analizza la situazione politica di incertezza dopo il voto del 4 marzo 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *