“La diversità fa ancora troppa paura”

Claudio Santamaria, lunga carriera e David di Donatello con “Lo chiamavano Jeeg Robot”,  torna al cinema con “Tutto il mio folle amore”,  nuovo film in cui si racconta un viaggio toccante tra un padre e un figlio con la regia del premio Oscar Gabriele Salvatores. Attore ma anche scrittore con il suo primo libro “La giostra delle anime” scritto a quattro mani con sua moglie. Santamaria ci svela il suo rapporto con le storie e la fantasia, con la scrittura, con la musica, con le interpretazioni, da Rino Gaetano a Modugno, il rapporto con la famiglia e con Roma, la sua città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *