Una risposta a ““Il Gattopardo è vendicativo”

  1. Buonasera.
    Niente di più vero. Con tutto il rispetto per Friedman, credo che la cosa sia chiara a tutti gli Italiani. Non riesco a capire come sia potuto resistere così a lungo e non sia stato ancora silurato. Con Bersani e Berlusconi, le cose sono andate molto più veloci e in tutti e due i casi, in quattro e quatrotto, si sono ritrovati, senza poltrona. Renzi ha dichiarato guerra ai parassiti della politica e stà mettendo in atto la più grande riforma istituzionale e culturale che questo paese, meritava da anni. Non sono mai stato un sostenitore di Renzi ma, credo che abbia in mano le carte giuste per sbancare il tavolo. Il problema è senza dubbio uno solo. Gli permetteranno di farlo ? è chiaro a tutti che l’ex sindaco, non sia un uomo di sinistra e considerando che, in questo momento la sinistra voglia mettere le mani su tutto e su tutti, per buona parte del partito stesso (Pd) Renzi sia una minaccia. E i primi a volerlo silurare, sono gli stessi uomini del Pd e i sindacati. Landini in testa, che purtroppo non ha capito che portare gli operai in piazza, in un momento così delicato per il paese, significa affondarlo ancora di più. Ma, questo strano comportamento è normale, da parte di Landini. E’ nel suo dna. Da sempre i sindacalisti, hanno contribuito al totale fallimento del paese. Sarei rimasto impressionato da un comportamento differente. Nonostante sia un uomo di destra, di estrema destra, credo che Renzi abbia la possibilità e la forza di andare a toccare i poteri forti, senza chiedere il permesso per entrare, nelle stanze del potere. Purtroppo per il momento, i suoi buoni propositi, si sono trsformati in parole al vento e tutto quello che aveva promesso a gli Italiani, si è trasformato in una vera e propria bufala. Nonostante tutto, la sua tenacia nel continuare a lottare contro il sistema è ammirevole. Ma sono fermamente convinto che i gattopardi, stiano ancora dormendo e abbiano le pance piene. Ma al loro risveglio…………
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *